Il Festival 2014 si concetrerà in tre giornate e si prefigge una partecipazione più ampia sul territorio: oltre a Pazzano, la stessa Serramazzoni sarà protagonista della manifestazione di quest’anno.

Pazzano sarà il fulcro delle prime due giornate: mostre incentrate sulle opere di Guido Cavani, una minimaratona non agonistica dedicata ai sentieri descritti nel romanzo “Zebio Cotal”, presentazione del nuovo libro redatto da Fabio Marri (edizione Collana Kufferle) dove sono raccolti inediti di Guido Cavani. Inoltre sarà dedicato ai bambini un piccolo laboratorio di pittura dove la fantasia sarà direzionata nel campo dell’arte pittorica.

Luca Ispani sarà il mattatore dell’incontro imperniato sulla Poesia del Venerdì sera, dove presenterà il suo ultimo libro intitolato “Serra in Versi” ne lquale vengono declamate in rima le 12 frazioni comprendenti il territorio di Serramazzoni. Lo stesso sarà protagonista, assime ad altri, dell’iniziativa chiamata “Poetineranti”, poeti che – come gli editi di una volta – visitano i negozi deliziando le persone con le loro rime baciate.

Il teatro sarà rappresentato dalla compagnia Sottospirito la quale, durante lo spettacolo Royal Roumble, dimostrerà di saper coinvolgere il pubblico in un esilarante divertimento.

La cultura musicale, nelle giornate pazzanesi, vedrà coinvolti Franca Lovino nella declamazione di letture poetiche basate sull’amore, accompagnata dalla chitarra di Chico Laurenza e dalle danze coreografiche di Anna Laurenza; inoltre la band ufficiale della Ferrari, i Red House Blues Band si esibirà in piazza Tasso avvolgendo gli spettatori in ritmi blues.

La domenica il centro del Festival sarà Serramazzoni, la compagnia Quintaparete realizzerà un laboratorio creativo per grandi e bambini presso la biblioteca, realizzando una storia sul personaggio DODO.

In piazza Repubblica gli editori modenesi la faranno da padroni, sulla veranda un getto continuo di presentazione libri e autori con accompagnamenti musicali di Francesco Benozzo e Fabio Bonvicini.

In Piazza Tasso gli artisti daranno ai visitatori la possibilità di veder realizzare un opera dal vivo, a corolla l’Aceto Balsamico di Serramazzoni e le azziende produttrici caseare esporranno i loro prodotti tipici locali.

Una tavola rotonda con le Amministrazioni di Serramazzoni e Pavullo chiuderà la Domenica tardo pomeriggio il Festival 2014 anticipandone il tema del’edizione 2015.

La Domenica sera a conclusione del Festival concerto a sorpresa nella Piazza di Pazzano.