Quanto accaduto sabato 7 febbraio in occasione della partita Modena-Catania, infine rinviata, ha fatto definitivamente esplodere il problema del "manto erboso" (se così si può ancora definire, vedi foto di copertina) dello Stadio Braglia, portandolo agli occhi di un palcoscenico nazionale. Il problema, come gli addetti ai lavori sanno, non è certo dovuto ad una notte di neve, e risale invece a qualche anno fa. E' inutile ormai stare a ricostruire tutte le tappe del disastro, che comprendono concerti, divisioni di spese, affitti, appalti, fornitori non pagati, scarichi reciproci di responsabilità tra i soggetti coinvolti e tanto altro. Ripercorrere la storia di come un campo fra i più belli d'Italia sia diventato un campo di patate purtroppo non risolve il problema.  E' ora invece di rimboccarsi le maniche, e a farlo dobbiamo essere anche noi tifosi. Possiamo aspettare i tempi della macchina amministrativa, o fidarci delle promesse dell'attuale proprietà? Crediamo di no, perché ciò significherebbe rischiare di affrontare con un terreno di gioco inadeguato una seconda parte di stagione ancora aperta a qualsiasi possibilità; senza contare il danno di immagine (verrebbe da dire l'ulteriore danno di immagine, visti i recenti trascorsi) per tutta la Modena calcistica e sportiva in genere.  Noi tifosi, dunque, che amiamo dire che "il Braglia è la nostra casa", siamo chiamati a dare un segnale forte nei confronti di chi oggi gestisce lo stadio della nostra città. Possiamo farlo versando un contributo anche minimo per il rifacimento del terreno di gioco del Braglia, senza pensare a quale cifra sia necessaria e quanto sia possibile raccogliere, soprattutto in tempi di crisi come quelli che attraversiamo, con questa forma di colletta. Qualsiasi sia la cifra che raccoglieremo, rappresenterà se non altro un segno: un segno del nostro amore per la causa gialloblù, un segno di quanto i tifosi possono fare per il proprio club, un segno delle enormi difficoltà che l'attuale proprietà del Modena FC sta attraversando nel gestire la nostra squadra del cuore, che non merita di fronte all'Italia intera figure come quella del 7 febbraio scorso. Versa anche 5 solo euro, e potrai dire a chi ama riempirsi la bocca di parole vane: "Io ho fatto la mia parte; tu cosa intendi fare?"  "L'intera cifra raccolta dall'iniziativa sarà versata alla/e ditta/e incaricata/e del rifacimento e manutenzione del terreno di gioco dello Stadio Braglia. Qualora ciò non sia possibile, l'intera cifra raccolta sarà versata nelle casse del Modena FC con il vincolo di essere utilizzata a copertura delle spese per il terreno di gioco sostenute dalla società.”